Crisi ipertensiva, quali cause?

Crisi ipertensiva, quali cause?

 

aggiornamento per il medico pratico

Crisi ipertensiva, definizione

• Aumento accessuale della pressione sanguigna sistolica e diastolica pre-giudizievoli (per la vita) di insorgenza improvvisa che si accompagnano a complicanze cerebrali, cardiovascolari o renali.
• La definizione e la diagnosi di una crisi ipertensiva non dipendono solamente dal livello assoluto dell'aumento della pressione del sangue, ma anche dalla velocità con cui essa aumenta, dalla capacità di adattamento del sistema vascolare e dalla situazione cardiaca e vascolare esistente.
• Valori pressori nella crisi ipertensiva: diastolica > 120-130 mm Hg, spesso valori pressori per la P.A. sistolica e la diastolica di 250/130 mm Hg o più elevati. Esiste una crisi ipertensiva anche con valori pressori più bassi se l'aumento della pressione è concomitante con complicanze specifiche o di altro genere.

 

Quadro clinico del sintomo predominante durante una crisi ipertensiva

i sintomi clinici predominanti della crisi ipertensiva sono molteplici:

• Sintomi generali: senso di ansia, accessi di sudore, vertigini, ronzio nelle orecchie.
• Sintomi neurologici: forti cefalee, disturbi visivi e vomito, perturbazioni della coscienza, manifestazioni variabili di deficit cerebrale, convulsioni, coma cerebrale irreversibile.
• Sintomi cardiaci: angina pectoris, infarto, segni di insufficienza cardiaca sinistra acuta fino all'edema polmonare, aritmie.
• Sintomi vascolari: aneurisma dissecante dell'aorta,
• Sintomi renali: insufficienza renale acuta.

Visita del paziente iperteso

Anamnesi:
• In particolare, vanno prese in considerazione le cause dell'ipertensione essenziale acuta indicate nella Tab. : coliche, sospensione di antipertensivi o assunzione di farmaci ad azione ipertensiva, forte russamento dopo consumo di alcool, anuria, avvelenamento, allergia, stress.
• Per quanto riguarda le complicanze acute, v. Quadro clinico dei sintomi predominanti

Il medico all'atto della visita considera ed apprezza:

Esame obiettivo:
• Stato della coscienza: sonnolenza? coma?
• Circolazione: polso, pressione del sangue rilevata ad entrambe le braccia, auscultazione di cuore e polmone (aritmie? insufficienza mitralica. acuta? stasi polmonare?).
Respirazione: superficiale? ad alta frequenza?
• Modificazioni cutanee: anafilassi? allergia? malattia endocrina di base?
• Dimensioni delle pupille e riflessi pupillari: pressione del sangue? massa?
• Stato neurologico, particolarmente fenomeni di paralisi, assenza/differenze laterali dei riflessi?

• Segni di infezione, essiccosi, intossicazione?
• Fondo dell'occhio: emorragia, segni di glaucoma?
 

Prescrizioni diagnostiche

Diagnostica specialistica

Nell'urgenza ipertensiva, l'immediata diminuzione della pressione del sangue ha la precedenza assoluta prima di intervenire con qualunque altra misura diagnostica! Ci sono soltanto poche condizioni patologiche che richiedono un intervento terapeutico così rapido per impedire l'insorgenza di lesioni irreparabili ed un esito letale. Esami di laboratorio: VES, PRC, glicemia, emocromo, transaminasi, CK e CKMB, troponina VT, ematocrito, elettroliti, TSH basale, catecolamine.  ECG: segni di infarto? aritmie?
TC: in caso di perturbazione della coscienza o di segni di ipertensione endocranica, in caso di sospetto di ictus, embolia cerebrale, emorragia.
Esame Doppler delle carotidi: stenosi? ulcerazione? Eventualmente transcranica (TCD) in caso di sospetto di embolia cerebrale.
L'impiego di altre procedure diagnostiche viene deciso attraverso l'analisi dei reperti esistenti.

Diagnosi differenziale

I reperti essenziali indicativi per la diagnosi e/o i procedimenti per l'accertamento diagnostico vengono discussi nei singoli capitoli oppure emergono dall'anamnesi.
 

Diagnosi differenziale della crisi ipertensiva

Diagnosi Anamnesi, esame e/o reperti Accertamento
indicativi per la diagnosi diagnostico
 

Crisi ipertensive di genesi diversa

- "Essenziali" (particolarmente nell'ipertensione essenziale)
- Dopo coliche Fumo (abuso)
Improvvisa sospensione di antipertensivi
Dopo manipolazione di intestino retto/vescica
- Nell'ambito di una sindrome da apnea nel sonno ostruttiva
- Nell'assunzione di farmaci ad azione ipertensiva
- In caso di eccessivo sforzo fisico
crisi ipertensive

Crisi ipertensive di genesi renale

- Nefriti glomerularl
- Eccesso di liquidi in caso di insufficienza renale allo stadio terminale
- Insufficienza renale acuta
- Rigetto dell'organo trapiantato
 

Crisi ipertensive di genesi vascolare

- Angioiti
- Ipertensione maligna
- Embolia delle arterie renali
 

Crisi ipertensive di genesi ormonale

- Feocromocitoma e feocromoblastoma, tumori del sistema nervoso simpatie:
- Ipertiroidismo
- Preeclampsia/eclampsia
 

Crisi ipertensive da intossicazioni

- Avvelenamenti
- Allergie
- Reazione al formaggio e quadri clinici affini
 

Crisi ipertensive di genesi neurogena

- Simpaticotonia elevata marcata
- Stress chirurgico/traumatico
- Tumore cerebrale, trauma cranico
- Encefalite


indice