Demenza

Demenza

altri link in tema:  Paziente con agitazione    Il malato di mente   delirio

Si tratta in genere di una sindrome cerebrale cronica su base organica. Definizione. Un progressivo deterioramento della funzione intellettiva, generalmente con esordio insidioso e decorso graduale

 

Caratteristiche della demenza

a. Deficit intellettivo (specialmente mnemonico)

b Lieve o marcato cambiamento di personalità, compromissione della capacità di giudizio, e occasionalmente sintomi chiaramente psicotici (allucinazioni non uditive, illusioni)

c. Incostanza dei sintomi con peggioramento serale

 

 

Cause della  demenza

La più comune è la demenza degenerativa primaria del tipo Alzheimer (60%).

Si devono escludere le possibili cause suscettibili di terapia (40%):

Diagnosi differenziale

a. Depressione grave. I pazienti depressi possono superare con difficoltà i tests di valutazione delle capacità intellettive per mancanza di motivazione (pseudodemenza). b. Delirio. I pazienti anziani, anche con una chiara storia di demenza progressiva, possono ma-nifestare improvvisamente confusione, obnu-bilamento dello stato di coscienza, illusioni, allucinazioni, o agitazione; il più delle volte questo peggioramento è dovuto alla sovrap-posizione di delirio legato a un disturbo di base di competenza medica.

c. Schizofrenia cronica. Negli stadi avanzati di schizofrenia, l'apatia può compromettere l'esecuzione di tests di valutazione delle capacità intellettive.

Trattamento

Ricovero in un reparto psichiatrico o neurologico per il trattamento definitivo

tac encefalo, alzheimer, grave atrofia cerebrale e dilatazione dei ventricoli cerebrali

TC encefalo di un paziente con demenza: notare atrofia delle circonvoluzioni e cerebrale con dilatazione dei ventricoli

schema_cervello_normale_contro_alzheimer

Cervello normnale vs cervello con Alzheimer

Malattie di pertinenza medica con manifestazioni psichiatriche

Le emergenze psichiatriche dovute a malattie di pertinenza medica o a traumi hanno le manifestazioni tipiche del delirio — cioè, un acuto di-sturbo mentale su base organica che provoca segni di deficit intellettivo con o senza disturbi del comportamento, dell'umore, o del pensiero. (Occasionalmente il quadro clinico simula quello di una psicosi funzionale — cioè, senza deficit intellettivo). È essenziale ricercare tempestivamente le sottostanti cause di pertinenza medica o chirurgica. Un errore frequente è quello di omettere un adeguato intervento medico nei casi in cui sia stata già posta una diagnosi psichiatrica e che ora presentino nuovi sintomi, e in particolare un deterioramento delle funzioni intellettive.  Indicazioni utili a scoprire la causa medica o chirurgica di base: Cambiamento di personalità dopo i 40 anni. Correlazione temporale tra l'esordio di una sintomatologia psichiatrica e le prime manifestazioni o il peggioramento di una malattia di pertinenza medica o il verificarsi di un trauma, o di un mutamento nella terapia-. Grave deficit intellettivo (disorientamento, disattenzione, perdita di memoria)
Allucinazioni, eccetto quelle uditive. Brevi o transitorie aberrazioni di comportamento della durata di minuti o di ore (escludere soprattutto le crisi psicomotorie o gli stati postictali conseguenti a gravi crisi motorie.
 

La diagnosi differenziale per il delirio va in parallelo con quella per l'obnubilamento e il coma. Le cause organiche di psicosi comprendono:
Farmaci o abuso di droghe
Disordini endocrini e metabolici
Infezioni sistemiche
Malattie neurologiche e degenerative
Stati convulsivi, specie dopo ictus
Ematoma subdurale cronico
Malattie neoplastiche, comprese le metastasi cerebrali o sindromi paraneoplastiche
Malattie autoimmuni

 
 

 

indice