Diabete mellito e cura del diabete, peso corporeo

Diabete mellito e cura del diabete, evitando incremento di peso

 

Aggiornamenti per il medico pratico in tema di cure per il diabete

La maggior parte delle terapie di diabete possono causare aumento di peso nel corso del tempo. L'influenza del trattamento del diabete in peso era evidente Nell'UKPDS (UKPDS 34): indipendentemente dal tipo di trattamento ricevuto, pazienti acquisita weight. I pazienti trattati con insulina mostrato l'aumento di peso maggiore, con un guadagno medio di 4,0 kg più terapia convenzionale a 10 anni (UKPDS 33). Il grado di aumento di peso osservato in UKPDS in pazienti trattati con insulina è stata confermata in studi successivi. Ad esempio, in uno studio di 6 mesi a confronto con insulina glargine con insulina NPH prima di coricarsi una volta al giorno (entrambi gli agenti aggiunti alla terapia orale in una festa-to-target protocol), aumento di peso alla fine del periodo di prova era 3,0 e 2,8 kg, rispettivamente. Nello studio ADOPT, rosiglitazone, metformina e glibenclamide sono stati valutati come trattamento iniziale in soggetti con una diagnosi recente di diabete di tipo 2, studio in doppio cieco, randomizzato, studio clinico controllato che coinvolgeva 4360 pazienti.

I pazienti sono stati trattati per un periodo mediano di 4,0 anni. Rosiglitazone, oggi non utilizzabile per via degli effetti collaterali, era stato associato ad aumento di peso ed edema più di metformina o glibenclamide. Generalmente, l'aumento di peso è una conseguenza di un aumento di apporto calorico o una diminuzione di utilizzo calorico. Uno scarso controllo glicemico aumenta il tasso metabolico e, di conseguenza, migliorare il controllo glicemico diminuisce il metabolismo. Se l'apporto calorico non è modificato di conseguenza, il peso aumenterà. Migliorare il controllo metabolico riduce glicosuria (escrezione di glucosio attraverso le urine), quindi meno calorie si perdono in questo modo ed il paziente incrementa il suo peso. Normalmente, l'insulina elimina l'assunzione di cibo attraverso il suo effetto sui percorsi del sistema nervoso centrale di controllo dell'appetito. È stato suggerito che questo effetto di insulina è persa nei pazienti diabetici. La paura di ipoglicemia può portare ad un aumento spuntini tra i pasti, aumentando così l'apporto calorico dei pazienti. Inoltre, a parte modifiche alla assunzione di calorie o di utilizzo, l'uso di insulina può aumentare la massa magra del corpo attraverso la sua natura anabolizzante.

 

Il progetto Why wait.

Il raggiungimento del peso e programma di trattamento intensivo (Why Wait) è stato un programma di 12 settimane multidisciplinare per il controllo del peso e la gestione intensiva del diabete, specificamente progettato per l'applicazione nella pratica di routine del diabete.
  In questo programma, i farmaci per il diabete sono stati classificati in due gruppi:
1) quelli noti per promuovere l'aumento di peso 
2) quelli associati con la perdita di peso o che sono di peso neutro o associato ad aumento di peso minimo
  Senza compromettere il controllo del diabete, i regimi terapeutici sono stati adeguati per facilitare la perdita di peso utilizzando più del peso-friendly farmaci per il diabete eridurre o eliminare quelli che promuovono l'aumento di peso. I partecipanti trattati con insulina e con buon controllo del diabete (HbA1c <7%) è stato consigliato di ridurre l'insulina prandiale del 20-30% all'inizio del programma di gestione del peso. Exenatide è stata spesso aggiunta ai farmaci orali per il suo vantaggio di peso e pramlintide era spesso aggiunto al pasto-time insulina per lo stesso motivo, se del caso.  C'era una perdita media di peso di 11,2 kg dopo 12 settimane di intervento, che è stata associata ad una significativa riduzione di HbA1c. I partecipanti mantenuto una media di 8,3 kg di perdita di peso dopo 1 anno

Insulin


NPH
Glargine
Aspart, Aspart 70/30
Lispro, Lispro 75/25
Glulisine (pre-meal)
INIBITORE SGLT2

Sulphonylureas


Glibenclamide
Glipizide
Glimepiride
Glinides
Nateglinide
Repaglinide

Thiazolidinediones


Pioglitazone
Rosiglitazone
 

Metformin


DPP-4 inhibitors


Sitagliptin

Alpha-glucosidase inhibitors


Acarbose
Miglitol
Amylin agonists
Pramlintide

GLP-1 receptor agonists


Exenatide
Insulin
Detemir
Glulisine (post-meal)

Novità farmacologiche per il diabete tipo 2

La principale nuova opzione di trattamento è rappresentata dagli inibitori del SGLT2, una nuova classe di farmaci in grado di ridurre a glicata dello 0,5-1% rispetto al placebo. Questi farmaci agiscono inibendo il SGLT2 a livello del nefrone prossimale, riducendo in questo modo il riassorbimento di glucosio e favorendone l’escrezione urinaria, fino a 80 grammi al giorno. Hanno un meccanismo d’azione indipendente dall’insulina; per questo possono essere utilizzati in qualunque stadio del diabete di tipo 2 (anche nei soggetti in trattamento insulinico). Ulteriori effetti favorevoli degli inibitori dell’SGLT2 sono l’induzione di un modesto calo ponderale (circa 2 chili, nell’arco di 6-12 mesi), una consistente riduzione dei valori pressori (dell’ordine di 2-4 mmHg per la sistolica e 1-2 mmHg per la diastolica). Determinano anche una riduzione dei valori di acido urico plasmatico e dell’albuminuria. Tra gli effetti indesiderati si segnalano un aumentato rischio di infezioni micotiche genitali (11% in più nelle donne e 4% in più negli uomini, rispetto a gruppo placebo) e un leggero aumento del rischio di infezioni delle vie urinarie. Questi farmaci hanno un effetto diuretico e possono dunque determinare deplezione di volume; vanno conseguentemente utilizzati con cautela nell’anziano e nei soggetti in terapia diuretica. Possono dare temporanei modesti rialzi della creatininemia e un’aumentata escrezione urinaria di calcio.

 

 indice