Diagnosi delle Lesioni della mano

Diagnosi delle lesioni della mano

A. Tipi di lesione

Lesione vascolare

a. Una mano fredda e senza polso Ŕ segno di una grave lesione arteriosa.
b. La circolazione deve venire rapidamente ripristinata in sala operatoria.
c. In genere un'emorragia importante pu˛ essere controllata con un bendaggio compressivo.
d. Se l'emorragia persiste, si potrÓ arrestarla applicando sul braccio il manicotto imbottito di uno sfigmomanometro e gonfiandolo a pressione superiore a quella arteriosa sistolica.
e. Il manicotto deve essere sgonfiato ogni 30 min per permettere una completa perfusione tissutale.
f. L'esecuzione del test di Alien pu˛ aiutare a chiarire la situazione vascolare e circolatoria in caso di lesioni del polso e dell'avambraccio.

 

1) La mano viene sollevata e ambedue le arterie radiale e ulnare vengono occluse con una compressione digitale a livello del polso.
2) Si chiede al paziente di aprire e chiudere ripetutamente il pugno finchÚ il drenaggio venoso rende la mano esangue.
3) Si allenta quindi la pressione su una delle due arterie.
4) La mano deve tornare rosea in 15-30 sec.
5) L'intera procedura viene quindi ripetuta per saggiare l'altra arteria.Anatomia del palmo della mano
 

Lesione della cute della mano

La perdita di lembi cutanei Ŕ immediatamente visibile all'ispezione della ferita, e, se estesa, richiede un trapianto cutaneo.

Lesione ossea della mano

Una lesione ossea Ŕ sospettata ogni volta che la normale architettura della mano appare alterata. Vanno allora eseguite radiografie con proiezioni anteroposteriori, oblique e laterali.

Lesione tendinea della mano

a. L'incapacitÓ di flettere la falange distale con immobilitÓ della seconda falange indica lÓ sezione del tendine del flessore profondo delle dita.
b. La funzione del flessore superficiale delle dita si verifica tenendo tutte le dita in estensione eccetto il dito leso.
c. Una lacerazione sulla superficie dorsale della mano associata a incapacitÓ di estendere completamente il dito indicano la sezione di:
1) Tendine dell'estensore comune
2) Estensore proprio dell'indice
3) Estensore proprio del mignolo
d. Le lacerazioni vicine all'articolazione interfa-langea distale e la caduta della falange distale indicano una lesione delle strutture estensorie in questa regione (dito a mazzuolo).
e. L'incapacitÓ di estendere completamente la falange distale del pollice indica la sezione del tendine dell'estensore lungo del pollice.Anatomia del dorso della mano
f. Lesioni sul metacarpo del pollice e sulla superficie radiale del polso con incapacitÓ di estendere e di abdurre il pollice indicano lesioni ai tendini dell'estensore breve e dell'abduttore lungo. Anche l'estensore lungo pu˛ essere interessato.
 

Lacerazioni del polso

a. Le lacerazioni della superficie palmare del polso possono interessare:
 1) Le arterie radiale e ulnare
Mano: prove pratiche di funzionalitÓ in caso di sospette lesioni del tendine prodondo e superficiale2) I nervi mediano e ulnare
3) I flessori delle dita e del carpo
b. Le lacerazioni sulla superficie dorsale del polso possono interessare:
 
1) Gli estensori del carpo, la cui integritÓ viene provata dalla capacitÓ di estendere completamente il polso e di deviare la mano tenuta estesa in direzione radiale e ulnare
2) I tendini degli estensori digitali, che vanno controllati singolarmente
 

Lesioni dei nervi

a. L'anestesia distale rispetto a una ferita delle dita e del palmo della mano suggerisce la sezione dei nervi digitali sensitivi.
b. La sezione del nervo ulnare a livello del polso provoca anestesia del lato ulnare del palmo, del quinto dito e della metÓ ulnare dell'anulare.
c. Il ramo dorsale sensitivo del nervo ulnare abbandona il tronco principale circa 5 cm pi¨ in su della piega flessoria distale del polso (la sezione del nervo ulnare distalmente alla biforcazione permette ancora al paziente di sentire le punture sul dorso della mano nell'area di distribuzione del nervo ulnare).
d. La sezione completa del nervo mediano a livello del polso comporta l'anestesia del lato radiale del palmo, della metÓ radiale dell'anulare, e di tutta la superficie volare del medio, dell'indice e del pollice.
e. Le lacerazioni anche piccole dell'area tenar possono sezionare il ramo motorio del nervo mediano, che innerva i muscoli tenar. Con tale lesione il paziente sarÓ incapace di opporre fortemente il pollice alla base del quinto dito, o di abdurlo normalmente.
f. La lesione della branca motoria del nervo ulnare a livello del palmo renderÓ impossibile l'abduzione e l'adduzione delle dita distese a causa della perdita di funzionalitÓ dei muscoli interossei.

1) Il test migliore Ŕ di far mettere al paziente il palmo della mano sul tavolo e di tentar di deviare radialmente l'indice.
2) Si pu˛ osservare e palpare il primo muscolo interosseo situato sulla superficie dorsale radiale del secondo osso metacarpale e valutarne l'entitÓ del movimento e il tono muscolare.
g. Le lacerazioni della superficie radiale del polso (vicino alla tabacchiera anatomica) spesso causano la sezione delle branche sensitive del nervo radiale.

indice