OSTEOPOROSI

Definizione

E' la perdita di massa, struttura e funzionalita' ossea, con predisposizione a fratture. La conseguenza clinicamente piu' rilevante dell'osteoporosi e' l'aumento di frequenza di fratture del collo femorale, dell'avambraccio e delle vertebre.

Epidemiologia

E' la malattia ossea piu' frequente in eta' avanzata. L'osteoporosi primaria e' la forma piu' frequente (95%). L'85% di tutte le osteoporosi interessa le donne in post-menopausa. Il 25% di tutte le donne sviluppa dopo la menopausa una osteoporosi rilevante clinicamente; oltre i 70 anni di eta' la frequenza dell'osteoporosi aumenta costantemente in ambo i sessi. L'osteoporosi secondaria e' piu' rara (5%), ed e' principalmente legata a trattamento con glucocorticosteroidi e ad immobilita'.

Eziologia

1. osteoporosi primaria (95%):
- osteoporosi idiopatica dei giovani maschi (rara)
- osteoporosi post-menopausale (= osteoporosi di tipo I)
- osteoporosi senile (= osteoporosi di tipo II)

2. osteoporosi secondaria (5%):
- cause endocrine: ipercortisolismo, ipogonadismo, ipertiroidismo, ecc.
- sindrome da malassorbimento e mancanza di calcio
- immobilita'
- iatrogena /da farmaci: glucocorticoidi, eparina

3. affezioni ereditarie:

osteogenesi imperfetta, sindrome di Ehlers-Danlos, sindrome di Marfan, omocistinuria
affezioni che possono essere associate per ragioni sconosciute all'osteoporosi: artrite reumatoide.

Fattori di rischio per lo sviluppo di osteoporosi primitiva

-fattori non modificabili:
- eta': con l'aumentare dell'eta' diminuisce la massa ossea
- sesso: le donne hanno una massa ossea inferiore, che si riduce ulteriormente e in modo significativo in menopausa
- fattori genetici: osteoporosi in anamnesi famigliare
- principali fattori modificabili:
- carenza di ormoni sessuali
- inattivita' fisica
- fattori alimentari: carenza di calcio e vitamina D.
 

Caratteristiche metaboliche

- Soggetti "fast loser": perdita di massa ossea associata ad aumentato rimaneggiamento (high turnover): perdita di osso trabecolare > 3,5% all'anno; tipica dell'osteoporosi precoce postmenopausale, nei primi 10 anni dopo la menopausa.
- Soggetti "slow loser": perdita di massa ossea associata a ridotto rimaneggiamento ("low turnover"): perdita di osso trabecolare < 3,5% all'anno; tipica dell'osteoporosi tardiva postmenopausale, dopo 10 anni dalla menopausa.
 

Caratteristiche e tipo di osteoporosi
 

I (post-menopausale)

II (senile)
Eta' (anni)

50-70

> 70

Sesso (F:M)

Donne

2:1

Perdita ossea

Piu' trabecolare che corticale

Trabecolare e corticale in ugual misura

Fratture piu' frequenti

Corpi vertebrali

Collo del femore, omero, radio, corpi vertebrali

Fattori eziologici

Carenza di estrogeni

Processo di invecchiamento, poco movimento,

evtl. mancanza di calcio e/o vitamina D

 

Tipi di distribuzione

-osteoporosi generalizzata
- post-menopausale o di tipo I: perdita di massa ossea con particolare interessamento dell'osso trabecolare
- senile o di tipo II: perdita di massa ossea riguardante sia l'osso trabecolare sia quello corticale
- osteoporosi localizzata (ad es. sindrome di Sudeck, osteoporosi che interessa le articolazioni nell'artrite reumatoide).
 

Stadiazione

a) perdita di massa ossea dovuta all'eta' (osteopenia)
b) osteoporosi preclinica con potenziale pericolo di fratture
c) osteoporosi manifesta con fratture avvenute.
La massa ossea si forma nell'infanzia e nell'eta' giovanile, sotto l'influenza degli ormoni sessuali, raggiungendo il suo massimo intorno al 30o anno di eta' ("peak bone mass"). L'entita' della "peak bone mass" e' superiore del 30% negli uomini rispetto alle donne. Dopo il 40o anno di eta' in tutti si manifesta una lenta diminuzione della massa ossea (attorno a 0,5% all'anno). Le donne hanno, nei primi 10 anni dopo la menopausa, una perdita ossea piu' marcata (2% all'anno, e anche maggiore). La massa ossea si correla con particolari varianti del gene del recettore della vitamina D: i soggetti con particolari genotipi (ad es. BB) presentano una perdita ossea piu' veloce rispetto ai soggetti con altri genotipi.

Clinica

- algie ossee (specialmente dorsali)
- maggiore predisposizione a fratture -" fratture in caso di leggeri insulti traumatici oppure anche senza causa riconoscibile (= fratture spontanee)
- a causa di schiacciamento dei corpi vertebrali compaiono schiena curva, formazione di gibbosita' e riduzione della statura.

Stilizzazione dei corpi vetebrali: aspetti radiologici negli stadi dell'osteoporosi, cfr "Radiologia" nell'articolo

Radiologia

Una diminuzione della massa ossea < 30% non e' rilevabile radiologicamente.
1. la struttura omogena del corpo vertebrale normale fa pensare a quella di un tessuto sottile
2. osteoporosi allo stadio iniziale, divengono evidenti i piatti vertebrali e le trabecole verticali
3. osteoporosi conclamata, le trabecole orizzontali sono difficilmente riconoscibili, mentre quelle verticali sono rare, fortemente accentuate
4. colonna vertebrale a lisca di pesce
5. vertebra a cuneo da "crush fracture".

Laboratorio

a. Parametri di catabolismo osseo (attivita' osteoclastica):
- calcemia e calciuria
- escrezione urinaria di idrossiprolina (prodotto catabolico del collagene, relativamente aspecifico)
- desossipiridinolina/piridinolina ("cross links"): prodotto specifico del catabolismo osseo.
b. Parametri di anabolismo osseo (attivita' osteoblastica):
- fosfatasi alcalina (isoenzima osseo specifico)
- osteocalcina (molto instabile - congelare subito il prelievo)
- propeptide carbossi-terminale del procollagene-I.

Diagnosi differenziale

1. tumori maligni: ad es. plasmocitoma, m. di Waldenstrom, metastasi ossee di care nomi
2. iperparatiroidismo primitivo
3. osteomalacia.
 

   indice