INCONTINENZA ANALE

Per incontinenza anale si intende il passaggio non controllato delle feci e/o gas attraverso l'ano. L'incontinenza è totale quando è incontrollato il passaggio di feci formate, parziale quando è controllato il passaggio di feci formate ma non del contenuto liquido o gassoso. Clinicamente l'incontinenza anale può presentarsi con due diverse modalità: con il passaggio episodico di feci formate o con la perdita continua di feci fluide. La diversa modalità di presentazione rispecchia solitamente una differente eziologia: la prima forma è solitamente associata a disordini neurologici, la seconda è solitamente associata a malattie intrinseche del retto e/o del colon o a stitichezza cronica e alla presenza di fecalomi nell'ampolla rettale. L'eziologia delle incontinenze anali è dominata da due gruppi di cause: l'atonia sfìnteriale, con o senza fecaloma, frequente nell'anziano, da un lato e, dall'altro, le sequele della chirurgia rettoanale e dei traumi ostetrici.

L'incontinenza si può anche osservare in malattie più rare: interessamento flogistico o traumatico del midollo sacrale, lesioni del midollo spinale, agenesia dello sfintere anale, miopatie. La gravità dell'incontinenza anale dipende dall'entità dell'insufficienza sfìnteriale, e dall'eventuale associazione di turbe del transito; in effetti, il manifestarsi intermittente di episodi diarroici aggrava in maniera considerevole le conseguenze dell'insufficienza sfìnteriale.

 

Le tappe principali della diagnosi sono:

- l'esplorazione rettale, che dimostra un'assenza parziale o totale della contrazione dello sfintere anale,
- la rettoscopia;
- l'esame neurologico;
- lo studio elettromiografico dello sfintere esterno.


La presenza di diarrea obbliga a ricercarne le cause.

 La terapia ha lo scopo di regolare, nel migliore dei modi, la qualità e la frequenza delle evacuazioni e di ridare un tono ed una contrattilità muscolare sufficiente allo sfintere deficitario.

 

NORME PER LA TERAPIA

L'indicazione terapeutica dipende dall'eziologia dell'insufficienza sfìnteriale, dalla gravità del deficit funzionale e dall'età del malato.

 Quando è possibile, deve essere attuata una terapia eziologica.

 In presenza di diarrea:

TERAPIA DIETETICA

Essa deve mirare a:

- ridurre il volume delle feci abolendo le fibre dietetiche (frutta e verdura);

- evitare iprocessi fermentativi riducendo l'apporto di amidi e formaggi stagionati;

TERAPIA FARMACOLOGICA

- Imodium: 2-8 cps./die (sotto controllo medico !)

 Nell'atonia del soggetto anziano, è controindicato qualsiasi tipo di intervento chirurgico, salvo che nella terapia di un prolasso rettale, che complica frequentemente l'atonia sfìnteriale. Per contro, questi pazienti trovano spesso beneficio da:

* una GINNASTICA RIEDUCATIVA SFINTERIALE: contrazione volontaria dello sfintere, per qualche minuto, 2 o 3 volte/die;

* TRAINING AUTOGENO sotto controllo manometrico;

* e da un'ELETTROTERAPIA con corrente faradica alternata; si effettuano almeno 15 sedute, in ragione di 3/settimana, di durata progressivamente crescente da 10 a 20 min.

* In caso di insuccesso o di risultati insoddisfacenti, si può ricorrere ad uno STIMOLATORE ESTERNO. (Medtronic 1212; Medtronic France, 96 Avenue d'Ilena, 75783, Paris Cedex 16). Questa apparecchiatura viene introdotta entro il lume anale, ove assicura una stimolazione prolungata dello sfintere esterno.

In caso di stipsi:

In caso di distensione rettale da fecaloma,

l'atonia sfìnteriale scompare di solito dopo la rimozione di questo.

 Nel caso di un'incontinenza di origine trau-matica, le indicazioni dipendono dal tipo di lesione anatomica. NEL CASO DI SEZIONE DELLO SFINTERE, bisogna programmare una riparazione chirurgica; questo intervento è a volte associato ad una colostomia temporanea che assicura lo scarico a monte.

 In un soggetto giovane, IN CASO DI MARCATA LESIONE DELLO SFINTERE, si pratica una mioplastica con i fasci del grande gluteo o del retto interno.

* IN CASO D'INSUCCESSO DI QUESTE TERAPIE, se vi è un grave deficit funzionale, si può essere costretti a proporre una colostomia sinistra definitiva.

 

argomenti di gastroenterologia