Lesioni elementari dermatologiche: erosione, escoriazione, squama, ragade ecc.

aggiornamento per il medico pratico

cfr anche in tema :

 Lesioni della pelle
 Lesioni della pelle scure
Lesioni della pelle rosse
Terapia dermatologica topica
Carcinoma spino e basocellulare

cfr prima > lesioni elementari dermatologiche: papula, vesciola ecc

Ulcerazione

(cfr anche Ulcere trofiche)

L'ulcerazione e' una perdita di sostanza che interessa l'epidermide, il derma e talora anche l'ipoderma e i tessuti profondi e che non mostra tendenza alla risoluzione spontanea. Una lesione dello stesso tipo in regressione viene infatti piu' correttamente denominata piaga. Le ulcerazioni hanno forma e dimensioni variabili e vengono dette perforanti quando si approfondano notevolmente nel tessuto; fagedeniche quando si estendono in superficie e terebranti quando mostrano entrambe queste modalita' evolutive. Un'ulcerazione puo' essere preceduta da un'escara, ossia da un'area nerastra di tessuto necrotico conseguente a una rapida mortificazione, e risolve sempre con cicatrice.

Erosione

L'erosione e' una perdita di sostanza che interessa alcuni strati o l'intera epidermide. Si forma per rottura di una vescicola, di una bolla o di una pustola. L'erosione ripara senza esiti cicatriziali.

Escoriazione

L'escoriazione e' una perdita di sostanza di origine traumatica, che come l'erosione e' limitata all'epidermide. Anche l'escoriazione ripara senza esiti cicatriziali.

Cicatrice


Pronto soccorso
Argomenti gastro-enterologia
Argomenti diabetologia
Argomenti cardiologia
Argomenti endo-crinologia

Urologia
Nefrologia

Aritmie

La cicatrice e' la manifestazione clinica di un processo riparativo del derma e/o dell'ipoderma. Ha la forma e le dimensioni della lesione traumatica, infiammatoria o neoplastica a cui consegue ed e' costituita da tessuto collagene privo di annessi piliferi e sudorali. In fase iniziale la cicatrice e' rilevata sul piano cutaneo e di colorito rosso, col tempo si appiattisce e assume colore bianco porcellanaceo. La cicatrice va distinta dal cheloide, proli-ferazione connettivale ad andamento estensivo con ramificazioni simili alle chele di un granchio.

Ragade

La ragade e' una perdita di sostanza lineare che puo' interessare l'epidermide o l'epidermide e il derma. Nel primo caso non e' dolorosa e ripara senza cicatrice.

Squama

 La squama e' un agglomerato di lamelle cornee visibile a occhio nudo. Puo' essere di piccole dimensioni e scarsamente aderente e in tal caso viene detta pitiriasica o furfuracea o di grandi dimensioni e centralmente aderente e viene allora denominata squama lamellare o foliacea. La pelle diventa squamosa quando le cellule dello strato piu' superficiale (strato corneo) si seccano e si staccano, determinando un accumulo di scaglie scarsamente aderenti di cheratina, come la forfora nel caso del cuoio capelluto, pero' talora si tratta non di processi normali ma di processi patologici. Normalmente, la perdita cellulare cutanea e' impercettibile; la comparsa di squame indica un aumento della proliferazione cellulare, secondaria ad alterazioni del processo di cheratinizzazione. Le squame si differenziano in base alla conformazione da fini e delicate, a medie, grossolane o stratificate.Le squame sono solitamente secche, fragili e lucenti, ma possono anche essere grasse e opache. Il loro colore varia dal grigio-biancastro al giallo o dal marrone all'argentato.

Verrucosita'

 La verrucosita' e' un ispessimento localizzato dello strato corneo, che si manifesta con un'area di cute secca, ruvida al tatto e di colorito giallastro o giallo-brunastro. Contrariamente alla squama, e' costituita da lamelle cornee compatte, non allontanabili con il grattamento. La verruca plantare, per es.,  e' una sporgenza carnosa che si sviluppa sulla piante o sulle dita del piede a causa del Papilloma virus umano (HPV) del quale sono stati individuati piu' di 100 genotipo, fra cui appunto quello che provoca le verruche cutanee. Esse si presentano come piccoli rigonfiamenti bitorzoluti grigiastri, dall'aspetto spugnoso, che vanno a costituire la piccola parte emergente,mentre la restante e' sottocutanea. Al centro della verruca vi e' la radice, che ha l'aspetto di un puntino nero, non sempre visibile ad occhio nudo, ma che la distingue ad occhio da un semplice callo che, invece, e' solo un ispessimento della pelle. Particolarmente dolorose sono le verruche che si sviluppano sulla pianta del piede, per la pressione esercitata camminando o stando in piedi.

Vegetazione

La vegetazione e' una rilevatezza cutanea circoscritta, sessile o peduncolata a superfi'cie non cheratosica). e' filiforme o mammellonata e ha colorito e consistenza variabili. La vegetazione consegue a una iperplasia dell'epidermide o a una estroflessione del derma o riconosce entrambe le modalita' di formazione; e' una lesione permanente.

Pustola

 La pustola e' una cavita' ripiena di liquido purulento a localizzazione intraepidermica, ostiofollicolare o acrosiringiale. Evolve verso un'erosione e risolve senza esiti o con transitoria pigmentazione. Classiche sono le pustole in corso di varicella.

Macchia

La macchia e' una modificazione circoscritta del colore della cute che non scompare alla vitropressione. Forma e dimensioni sono variabili. Si distinguono macchie vere per modificazioni del contenuto della cute in melanina, pseudomacchie per deposito di pigmento esogeno e macchie conseguenti a stravaso ematico. Le macchie vere vengono suddivise in melanodermie, leucodermie e leucomelanodermie in base all'aumento o all'assenza di melanina o all'associarsi delle due condizioni. Gli stravasi ematici vengono detti petecchie quando rotondeggianti e di dimensioni minori di 5 mm; ecchimosi se irregolari e di dimensioni superiori a 5 mm; vibici se lineari e soffusioni emorragiche quando interessano ampie zone cutanee. L'alterazione del colorito cutaneo per stravaso ematico e' transitoria e il colore si modifica dal rosso violaceo al rosso-bruno.
 

Sclerosi

La sclerosi e' un indurimento circoscritto o diffuso della cute, che non risulta piu' sollevabile in pliche. La cute stessa e' inoltre di colorito bianco-porcellanaceo, secca e alopecica.

Lichenificazione

 La licheniflcazione e' un ispessimento circoscritto o diffuso della cute con accentuazione dei solchi superficiali. e' la conseguenza di un prolungato grattamento che causa iperplasia dell'epidermide e fibroplasia del derma superficiale. Risolve lentamente senza esiti quando cessa lo stimolo che l'ha provocata.

Atrofia

L'atrofia e' un assottigliamento circoscritto o diffuso della cute con evidenziazione della trama vascolare. Consegue a riduzione di spessore dell'epidermide e/o del derma e/o dell'ipoderma.

indice