Il paziente che mangia le cose piu' strane (picacismo)

Caso clinico. Una donna incinta, che avevo avuto modo di visitare, aveva la voglia di mangiare sapone di bucato, del quale si cibava avidamente; altre volte e' facile imbattersi in soggetti fragili psicologicamente che hanno l'abitudine di tirare i capelli con le mani e di metterli in bocca, per cui tante volte vanno incontro a sub occlusione intestinale e nel loro stomaco si repertano dei bezoari. Ancora i bambini, specie se piccoli, hanno la tendenza di portare in bocca quanto hanno trovato in giro, da pezzetti di giocattolo a frammenti di muro di casa e quant'altro, spesso con grave rischio per la loro salute e per le intossicazioni o il pericolo di soffocamento. Per esempio, da giovane, essendo studente di gastroenterologia, ci siamo imbattuti in un bambino che aveva ingerito una vecchia moneta di 50 lire, ne piu' ne meno come una moneta di 50 centesimo di ora, moneta in nichel. Ebbene, tale corpo estraneo si era, fortunatamente, bloccato nell'antro gastrico ed era stato possibile estrarlo con un'ansa diatermica, di quelle per le polipectomie.

Definizione

Il picacismo e' definito come il desiderio e l'ingestione di cose normalmente non commestibili, come gesso, carboncino, argilla, lana, cenere, colori o terra. Nei bambini, il gruppo piu' frequentemente colpito, il picacismo deriva generalmente da deficit nutrizionali. Negli adulti, invece, il picacismo riflette un disturbo psichico. A seconda della sostanza ingerita, il picacismo provoca intossicazione e disturbi gastrointestinali (GI). Molte vecchie case contengono vernici a base di piombo. I bambini che vivono nelle case piu' vecchie sono a rischio di avvelenamento la piombo, sia per l'ingestione di frammenti di vernice, che per succhiarsi le dita laddove la vernice al piombo avesse contaminato la polvere domestica. I bambini che abitano nelle vecchie case e nei centri storici devono essere controllati dosando i livelli sierici del piombo.


Pronto soccorso
Argomenti gastro-enterologia
Argomenti diabetologia
Argomenti cardiologia
Argomenti endo-crinologia

Urologia
Nefrologia

Aritmie

Anamnesi ed esame obiettivo

Il primo passo e' la determinazione di quali sostanze abbia ingerito il paziente. Se il paziente ha ingerito sostanze tossiche, come il piombo, per esempio, bisognera' eseguire il dosaggio sierico del piombo. Se il paziente | un bambino, chiedere ai genitori di descrivere le sue abitudini alimentari e l'anamnesi nutrizionale. Quando sono comparsi i primi segni di picacismo? Desidera sempre la stessa sostanza? e' apatico o irritabile?

Controllare i parametri vitali del paziente, in particolare ricercare bradicardia, tachicardia o ipotensione. Dopo di che, ispezionare l'addome per individuare onde peristaltiche visibili o altre anomalie. e' inoltre necessario osservare attentamente capelli, pelle e mucose cercando alterazioni, come secchezza o pallore.

Cause mediche in ordine di frequenza di presentazione

Anemia (carenza di ferro)

Una grave anemia carenziare sideropenica cronica da carenza di ferro puo' essere alla base del picacismo e la spiegazione plausibile potrebbe risiedere nel fatto che il paziente mangia la terra, il mais, le unghie o quant'altro per assorbire incosciamente ferro. In questi casi il paziente all'emocromo presenta un valore di MCV basso, per esempio 60-70 micron cubi, e l'emoglobina in gramma si attesta su 8 g/dl o meno. II picacismo puo' anche causare astenia, irritabilita', apatia e anoressia. Il paziente puo' avere vertigini, cefalea, incapacita' a concentrarsi, disfagia e dispnea da sforzo. Il tono muscolare e' scarso e possono essere presenti parestesie alle estremita'. Le unghie sono fragili e a cucchiaio, la lingua e' liscia, la cute e le mucose pallide.

Malnutrizione

Grave malnutrizione e digiuno possono causare picacismo per ogni sostanza, compresa la terra. Oltre a un notevole calo ponderale, il paziente mostra ipotrofia muscolare e parestesia degli arti. Sembra letargico e apatico. La cute e' secca, sottile e squamata. I capelli, radi e opachi, cadono facilmente. Le unghie sono fragili, le guance scure e gonfie, le labbra rosse e tumefatte. Il paziente puo' anche presentare nausea e vomito, epatomegalia, bradicardia, ipotensione, respiro lento e superficiale e amenorrea o atrofia gonadica.

Disturbi psicologici

Il picacismo puo' verificarsi nell'ambito di disturbi psichiatrici caratterizzati da profonde alterazioni, come schizofrenia e autismo. In alcune culture, il picacismo e' una pratica comunemente accettata e basata su presunte proprieta' nutrizionali o terapeutiche, oppure su credenze religiose e superstizioni.

argomenti di psichiatria