Fibrillazione ventricolare

cfr anche  BLSD (rianimazione e defibrillazione)

La fibrillazione ventricolare (FV) è un disturbo dell'attività elettrica cardiaca che inizia di solito con una tachicardia ventricolare (TV) e sfocia infine in onde rapide, caotiche, non ripetitive (FV). è associata clinicamente alla perdita di una circolazione sanguigna efficace con stato di shock cardiogeno per scompenso acuto di circolo e, se non trattata immediatamente, porta a morte. è la causa più importante di morte cardiaca improvvisa (sudden cardiac death, SCD) negli adulti.

Epidemiologia

Incidenza

- Più di 400000 persone negli Stati Uniti vanno incontro ogni anno a morte cardiaca improvvisa
- L'80-90% delle morti cardiache improvvise nelle persone con cardiopatia è causato da FV
- I maschi di colore presentano l'incidenza più elevata dì morte cardiaca improvvisa Sesso
- L'incidenza è più alta negli uomini che nelle donne (3:1)

Età

- Picco d'incidenza a meno di 6 mesi d'età, quindi rapido calo
- Un secondo picco si manifesta all'età di 45-75 anni

Fattori di rischio

Cardiopatia ischemica
- La TV, inclusa la FV. è la causa più frequente di morte improvvisa nell'infarto miocardico (IM) acuto
- La prognosi della FV si basa sul momento d'insorgenza dopo l'IM
- Una FV precoce (entro 24-48 ore) è considerata parte dell'IM e non viene trattata a lungo termine
- Una FV che si verifica più tardivamente è generalmente associata a disfunzione del ventricolo sinistro (VS) e rappresenta lo sviluppo di un substrato aritmico, che richiede un trattamento a lungo termine per ridurre al minimo il rischio di recidiva

- L'80% dei casi di morte cardiaca improvvisa è secondario ad aterosclerosi coronarica
- Fattori di rischio per malattia coronarica (per es., iperlipidemia, ipertensione, fumo) sono spesso presenti in pazienti che vanno incontro a morte cardiaca improvvisa secondaria a FV

Grave insufficienza cardiaca o disfunzione del VS con frazione di eiezione <35%

- Secondaria a cardiopatia ischemica
- Secondaria a cardiomiopatia dilatativa
- La metà dei decessi in caso di scompenso cardiaco è improvvisa e in circa l'85%o dei casi è conseguente a FV
Somministrazione di farmaci antiaritmici
- Che inducono un prolungamento dell'intervallo QT
- Che inducono torsades de pointes (TV con complessi QRS polimorfici che cambiano in ampiezza e in lunghezza del ciclo)
Grave ipossia o ischemia
Pazienti con sindrome di Wolff-Parkinson-Wnite che sviluppano fibrillazione atriale con risposta ventricolare estremamente rapida ) Incidenti da elettricità


Pronto soccorso
Argomenti gastro-enterologia
Argomenti diabetologia
Argomenti cardiologia
Argomenti endo-crinologia

Urologia
Nefrologia

Aritmie

Sindromi genetiche
- Sindrome congenita del QT lungo
- Cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva
- Displasia aritmogena del ventricolo destro
- TV/FV correlate a catecolamine
- Sindrome di Brugada

Eziologia

La FV è il risultato dell'interazione di molteplici fattori
- Miocardio danneggiato
La formazione di una cicatrice è d'importanza primaria nelle aritmie che si verificano dopo più di 48-72 ore da un IM acuto
- Fattori scatenanti (trigger) per le aritmie
- Riperfusione miocardica
La FV può essere provocata da:
- Ischemia miocardica
- Insufficienza cardiaca cronica
- Ipossiemia
- I percapnia Ipotensione
- Turbe elettrolitiche (specialmente potassio, caldo, magnesio)
- Intossicazione da tarmaci (digossina, agenti farmacologici che prolungano l'intervallo QT)
- Caffeìna
- Etanolo
 Una forma rapida di tachicardia ventricolare (TV) spesso precede la FV
- Nella cardiopatia ischemica, la forma più comune di TV è monomorfa
- Ha origine da un focus rientrante

Sintomi e segni

L'esordio della FV è seguito da rapida perdita di coscienza, mancanza del polso e, in assenza di terapia, dalla morte

Diagnosi

differenziale
Si effettua mediante elettrocardiografia
- Asistolia
- Artefatti elettrocardiografici
- Tachicardia ventricolare

Approccio diagnostico

La diagnosi si basa sull'elettrocardiogramma (ECG).
L'anamnesi del paziente fornisce indizi riguardo all'eziologia
Esami di laboratorio
Esami ematochimici, tra cui:
- Potassio
- Magnesio
- Calcio
 Esame emocromocitometrico
 Emogasanalisi
 Enzimi cardiaci
 Screening tossicologico (se FV extraospedaliera)
Diagnostica per immagini
 Radiografìa del torace
- Può evidenziare polmonite da aspirazione, edema polmonare o lesioni conseguenti a rianimazione cardiopolmonare o cardiomegalia
egc
- Aiuta a definire la presenza di una cardiopatia strutturale
- Frazione di eiezione
- Cardiomiopatia dilatativa
- Cardiomiopatia ischemie
Procedure diagnostiche

ECG
- Non è possibile distinguere i complessi QRS, i segmenti ST e l'onda T
- Linea di base ondulante, irregolare, dì ampiezza variabile
- Nell'IM o nell'ischemia acuta, la FV è generalmente scatenata da un singolo complesso prematuro ventricolare precoce che cade sull'onda T Provoca una TV rapida che degenera in FV
- La FV non ischemica esordisce di solito con una breve fase di TV rapida dopo un complesso prematuro ventricolare tardivo
II flutter ventricolare appare in genere come un'onda sinusoidale con frequenza di 150-300 battiti/min che spesso "degenera" in FV

indice