L'iperperistaltismo e la diarrea

cfr
Emergenze addominali
Colica addominale
La stipsi
Ematochezia

Quando l'intestino si dibatte, il paziente lamenta mal di pancia e sente strani rumori; in questi casi si parla di iperperistaltismo.  I rumori provocati dall'aria ingerita e dai liquidi in movimento attraverso il tubo digerente sono conosciuti come peristalsi. Questi toni abitualmente si verificano ogni 5-15 secondi, ma la loro frequenza puo' essere irregolare, per esempio, la peristalsi intestinale e' di solito piu' attiva subito prima e dopo i pasti. I rumori intestinali possono durare da meno di un secondo fino a diversi secondi. Normalmente il suono della peristalsi si puo' descrivere come mormorio, gorgoglio o tintinnio. I rumori intestinali iperattivi possono presentarsi come gorgogli'i, sciacquii e flussi, di forte intensita'; essi sono di frequenza superiore e si verificano piu' frequentemente rispetto alla peristalsi normale. I rumori intestinali ipoattivi si presentano come toni piu' sommessi, di frequenza piu' bassa e meno frequentemente che i toni normali. L'iperperistaltismo e' quella condizione patologica in cui l'attivita' motoria o peristaltica dell'intestino e' aumentata. Essi si caratterizzano come una serie di rumori frequenti, rapidi e gorgogli'i sonori. Essi possono dipendere da ostruzioni intestinali potenzialmente letali o da emorragie gastrointestinali, cosi' come da infezioni e da patologie infiammatorie intestinali (che abitualmente seguono un decorso cronico), allergie alimentari e stress.

Interventi urgenti

Dopo aver individuato la peristalsi iperattiva occorre controllare prontamente i parametri vitali e chiedere al paziente informazioni sui sintomi associati, quali dolore addominale, vomito e diarrea. Se riferisce dolori addominali crampiformi o vomito, continuare ad auscultare la peristalsi. Se la peristalsi s'interrompe improvvisamente, sospettare una completa ostruzione intestinale e prepararsi a un'aspirazione gastrointestinale e a una decompressione, associando l'infusione endovenosa di liquidi ed elettroliti. E' a tutto noto il "segno del serpente che si dibatte nei visceri",cosa che accade nell'occlusione intestinale?


Pronto soccorso
Argomenti gastro-enterologia
Argomenti diabetologia
Argomenti cardiologia
Argomenti endo-crinologia

Urologia
Nefrologia

Aritmie

Se l'addome diventa teso ed intrattabile, occorre al piu' presto preparare il paziente all'intervento chirurgico. Se il paziente ha diarrea, registrarne la frequenza, la quantita', il colore e la consistenza. Se si rileva un'eccessiva diarrea acquosa o emorragica, MAI somministrare farmaci antidiarroici, ma fluidi endovenosi ed elettroliti, e, se necessario, trasfusioni di sangue, specie se l'emocromo cala repentinamente. In genere in corso di melena, ogni ora il paziente puo' anche perdere 1 g/dl di emoglobina all'emocromo. In caso di diarrea acuta e' sempre buona norma richiedere una coprocoltura con eventuale antibiogramma e la sierodiagnosi di Widal e Wright, allo scopo di ricercare la salmonella e la shighella e le brucelle. Inoltre  le feci del paziente vanno sempre osservate per capire se si tratti di melena, rettorragia, feci semiformate, acquose, se c'e' emissione di parassiti intestinali e quant'altro. Ricordiamoci che il motto della Scuola Salernitane e': " Per anum ad salutem" ( !) .

Anamnesi ed esame obiettivo

Una volta esclusa una patologia potenzialmente letale, si puo' ottenere una dettagliata anamnesi medico-chirurgica. Chiedere al paziente, per esempio, se ha avuto un'ernia o interventi all'addome poiche' questi possono essere causa di ostruzione meccanica. A noi e' capitato il caso di un paziente che era stato operato di tumore del colon e che si era nuovamente occluso. Chiedere se il paziente ha un'anamnesi di malattia infiammatoria cronica intestinale, se le feci sono muco sanguinolente e valutare se l'esplorazione rettale e' possibile o dolorosa.  Chiedere ancora se il paziente si e' cibato con molluschi o formaggi, se ci sono stati casi di gastroenterite in famiglia, tra gli amici o al lavoro, se il paziente ha fatto viaggi recenti, ha saputo di qualche patologia endemica, se ha bevuto acqua di premitura (sic!), pratica questa molto comune tra i miei pazienti e, se risulta omosessualita', sospettare diarree da agenti infettivi strani, come la candida o la clamidia, che e' difficile da isolare. Inoltre, determinare se c'e' una causa di stress che possa aver contribuito al problema del paziente. Chiedere se ci sono allergie alimentari e se ha assunto di recente alimenti o liquidi insoliti. Controllare la febbre, che suggerisce un'infezione. Dopo l'auscultazio-ne, ispezionare, percuotere e palpare delicatamente l'addome.

Cause mediche di iperperistaltismo

In ordine di frequenza con cui si riscontrano.

In caso di iperperistaltismo con diarrea pensiamo subito a:

Gastroenterite

Rumori intestinali iperattivi seguono la nausea e il vomito improvvisi e accompagnano la diarrea "esplosiva". Crampi addominali o dolore sono comuni, spesso dopo il passaggio di onde peristaltiche. Si puo' avere febbre, a seconda dell'agente patogeno.

Emorragia gastrointestinale

Il paziente ha mal di pancia, sente i suoi visceri girare, emette delle feci scure (melena) o francamente rossastre, come marmellata di ribes (rettorragia).  I rumori intestinali iperattivi forniscono l'indicazione piu' immediata circa la persistenza di un sanguinamento dalle vie digestive superiori. Altri reperti possono includere ematemesi, vomito caffeano, distensione addominale, diarrea ematica, espulsione per via rettale di coaguli rosso-vivo e di materiale gelatinoso o melena e dolori durante l'emorragia. Alla perdita ematica si associano riduzione della diuresi, tachicardia e ipotensione.

Malattie infiammatorie intestinali, Rettocolite ulcerosa e Malattia di Crohn.

I rumori intestinali iperattivi compaiono di solito in maniera insidiosa. Segni e sintomi associati comprendono diarrea, dolore addominale crampiforme che scompare con la defecazione, anoressia, febbricola, distensione addominale e dolorabilita' e spesso una massa fissa nel quadrante inferiore destro. Le lesioni perianali e vaginali sono comuni. Ipotrofia muscolare, calo ponderale e segni di disidratazione possono essere evidenti negli stadi avanzati. Un paziente era giunto alla nostra attenzione dopo avere peregrinato per ogni dove, in preda a scariche diarroiche quotidiane (5-7 al giorno) di feci schiumose, scariche che si accompagnavano a dolore. Ebbene, delle indagini banali, come la ricerca dei segni di flogosi ed il sangue occulto nelle feci, ci avevano gia' indirizzato verso le forme di diarrea infiammatoria. Un esame colonscopico aveva permesso di porre diagnosi di Morbo di Crohn.

Intolleranze alimentari

Il malassorbimento, generalmente l'intolleranza al lattosio, puo' causare rumori intestinali iperattivi. Reperti associati comprendono diarrea e, talvolta, nausea e vomito, edema e orticaria. E' anche possibile imbattersi in pazienti celiaci, che sono intolleranti al glutine e che se si cibano di pizza e birra, stanno malissimo, con pancia gonfia, emissione di feci a spruzzo e gas.

Ostruzione intestinale meccanica

In questa patologia potenzialmente letale, i rumori intestinali iperattivi si verificano insieme al dolore addominale crampiforme ogni pochi minuti; i rumori intestinali possono in seguito diventare ipoattivi quindi scomparire. Nelle ostruzioni dell'intestino tenue, la nausea e il vomito si verificano prima e con maggior gravita'. Talora le feci non vengono emesse affatto e scarsamente si riesce ad emettere aria. Stiamo parlando delle sub occlusioni  intestinali e dei pazienti anziani con la coprostasi, cioe' le feci ed i fecalomi. Ricordiamoci che gli anziani, specie se allettati, necessitano talora di una buona toilette intestinali con clismi evacuativi.
Nell'ostruzione intestinale completa, l'iperattivita' intestinale e' anche accompagnata da distensione addominale e stipsi, sebbene la parte dell'intestino distale all'ostruzione possa continuare a svuotarsi per 3 giorni.

Colite ulcerosa (acuta)

Rumori intestinali iperattivi compaiono improvvisamente e sono accompagnati da diarrea ematica, anoressia, dolore addominale, nausea e vomito, l'ebbre e tenesmo. Si possono anche avere calo ponderale, artralgie e artrite.

Considerazioni particolari

Eseguire i test diagnostici. Essi comprendono l'endoscopia per osservare una lesione sospetta, radiografie in bianco dell'addome e lo studio delle feci. Inoltre e' buona norma effettuare anche altre indagini di routine come un emocromo, il gruppo renale, il gruppo epatico, il protidogramma, il sangue occulto nelle feci, una coprocoltura, la sierodiagnosi di Widal ecc.  I rumori intestinali iperattivi nei bambini sono solitamente causati da gastroenteriti, irregolari abitudini alimentari, eccessiva ingestione di taluni cibi (come la frutta acerba) e da allergie alimentari.
Consigli per il paziente
Spiegare le variazioni dietetiche prescritte. Queste possono variare da restrizioni totali di cibi a una dieta blanda e liquida. Dato che lo stress spesso scatena o aggrava l'iperattivita' intestinale, e' utile insegnare al paziente tecniche di rilassamento, come la respirazione profonda. Incoraggiare il riposo e limitare l'attivita' fisica.

argomenti di gastroenterologia